Localizzazione

In linguistica e nella scienza della traduzione, il termine localizzazione indica un processo di adattamento di un testo o di un prodotto alla cultura di destinazione. Per sua natura, la localizzazione è applicabile a più settori, come è ad esempio il caso negli ultimi anni dell’ambito informatico (localizzazione di siti web o software, sistemi operativi, applicazioni) e del marketing (campagne pubblicitarie, comunicazione attraverso i mass media).

Questo processo necessita di capacità e conoscenze non solo traduttive ma anche culturali poiché occorre tenere presenti le diverse percezioni tra una cultura e un’altra, ad esempio il modo in cui vengono percepiti i colori o il significato dei fiori: il crisantemo in Giappone è simbolo della famiglia imperiale, gli sono attribuite numerose virtù ed esiste una festività per celebrarlo (菊の節句, kiku no sekku), in Italia questo fiore viene usato per commemorare i defunti.

Quando si traduce un sito web a scopi commerciali non è possibile limitarsi ad una traduzione letterale del semplice messaggio. La localizzazione è proprio questo: i contenuti vanno adattati al contesto culturale di riferimento e bisogna tener conto anche della situazione del mercato di destinazione.

Può sembrare banale, ma anche il formato della data deve essere contestualizzato: per un pubblico anglosassone si utilizza la sequenza mese-giorno-anno (27/4/2019 diventa 4/27/2019), per il pubblico giapponese si utilizza invece la sequenza anno-mese-giorno (27/4/2019 diventa così 2019/4/27).

Anche l’ordine nome-cognome non è uguale per tutte le culture. In Giappone e Ungheria il cognome viene prima del nome: Murakami Haruki, Márai Sándor.

Di non secondaria importanza è la conversione delle valute e delle unità di misura: dai più noti piedi, pollici, miglia anglosassoni al “gō” (合) giapponese che indica la quantità di saké contenuto in una coppa tradizionale.

Quando si tratta di siti web, per offrire un servizio ottimale sono consigliabili (ma non indispensabili, per questo esistono altri professionisti) conoscenze di SEO (Seach Engine Optimization), ovvero tutte quelle azioni e attività che hanno lo scopo di migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Un esempio può essere l’utilizzo di parole chiave (che variano da una lingua ad un’altra), l’ottimizzazione della struttura di un sito, l’uso di tag title e meta description, e così via.

Accettabilità e adeguatezza traduttiva

Una traduzione accettabile (principio di accettabilità di Toury) ha come scopo la massima fruibilità da parte del pubblico di arrivo, in altre parole il metatesto, ovvero il testo tradotto, non presenta intoppi per il lettore e risulta facilmente leggibile. In contrapposizione al principio di accettabilità, abbiamo il principio di adeguatezza, secondo il quale una traduzione è più orientata al prototesto, ovvero il testo di origine, mantenendo sfumature linguistiche, tratti e caratteristiche della cultura emittente. Se da una parte la prima strategia offre al lettore un testo scorrevole ma “piatto”, la seconda offre un testo più stimolante ma a volte complesso per coloro che non hanno una conoscenza della cultura emittente.